ARTICOLO 7 – ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Gli organi dell’Associazione sono:

1 – l’Assemblea dei soci;

2 – Il Presidente

3 – Il Consiglio Direttivo Regionale – in breve CDR

Al venire meno di tutti gli associati l’Associazione si estingue.

L’Associazione è iscritta nel rispettivo registro delle organizzazioni di volontariato istituito ai sensi della L. 266/91; può stipulare, in quanto autonoma, convenzioni con lo Stato. Regioni, Province, Comuni ed altri Enti previsti dalla L. 266/91 e/o altre leggi in vigore.

Le persone che ricoprono cariche associative non possono ricevere alcuna retribuzione per alcuna attività, nemmeno dai beneficiari di dette attività; possono ricevere solo rimborsi delle spese effettivamente sostenute e nei limiti stabiliti dal CDR

Le persone che ricoprono cariche associative debbono trovarsi, anche durante tutto il loro mandato, nelle condizioni di ammissione di qualifica di associato e di eleggibilità e non essere in condizioni di incompatibilità o di conflitto di interessi previste dal presente statuto.

 

ARTICOLO 8 – INCOMPATIBILITA’ E' CONFLITTO DI INTERESSI

Incompatibilità

Le cariche di cui ai punti 2 e 3 dell’art. 7 sono incompatibili con:

1 – l’essere medico o operatore sanitario in attività impegnato nella diagnosi o cura della malattia celiaca o dermatite erpetiforme o ricercatore impegnato in attività di ricerca medica e scientifica;

2 – l’avere, direttamente o per vincoli di parentela sino al secondo grado o coniugali o affinità, interessi professionali o commerciali legati alla produzione e/o distribuzione, somministrazione e vendita di alimenti senza glutine nonché tutti coloro che, per la loro attività professionale, traggono vantaggio dalla carica ricoperta.

Conflitto di interessi

Sono in conflitto di interesse coloro che, per conto proprio o di terzi, hanno un interesse in conflitto con quello dell’Associazione, interesse che non possono realizzare se non sacrificando quello associativo  (si richiamano le norme del Codice Civile).

Chiunque si trovasse in questa peculiare posizione ha l’obbligo di darne notizia all’Associazione e ai suoi organismi ed ha altresì obbligo di non partecipare alle discussioni e deliberazioni dell’Assemblea e/o del CDR sui punti sui quali può essere, appunto, in conflitto di interesse.

 

ARTICOLO 9 – ASSEMBLEA REGIONALE

Le assemblee regionali sono ordinarie e straordinarie e sono presiedute dal Presidente dell’Associazione. In caso di impedimento di quest’ultimo sono presieduta dal Vice-Presidente più anziano e, in sua assenza, dall’altro Vice-Presidente. In loro mancanza l’Assemblea è presieduta da uno degli associati su designazione della maggioranza dei presenti.

L’Assemblea ordinaria è convocata almeno una volta l’anno entro la data prevista dalle leggi vigenti per l’approvazione del rendiconto consuntivo.

Le assemblee sono convocate in ogni caso, qualora  particolari esigenze lo richiedano o comunque quando ne facciano richiesta almeno 50 associati..

La convocazione, con relativo ordine del giorno, avviene con apposita lettera e/o e-mail con conferma di lettura almeno 10 giorni prima dell’assemblea. La convocazione deve essere pubblicata sul sito internet.

L’Assemblea, legalmente convocata e costituita, rappresenta l’universalità dei soci. Le sue deliberazioni legalmente adottate obbligano tutti i soci, anche se non intervenuti o dissenzienti, salvo ogni diritto di impugnativa previsto dalle vigenti norme.